5 Modi per Far Emergere il Soggetto in Fotografia

Uno dei metodi più usati per porre in risalto il soggetto in fotografia è di isolarlo e farlo quindi emergere dal contesto, in modo che lo spettatore possa non vagare in cerca di quello che la scena presenta.

5 Modi per Far Emergere il Soggetto in Fotografia

Per far emergere e risaltare il soggetto in fotografia è necessario lavorare con alcune tecniche ed accorgimenti.
Esistono parecchi approcci per ottenere questo risultato, cerco di raccontare in cinque semplici schemi come ottenere questo risultato.

1. Il Contrasto

il contrasto per isolare il soggetto in fotografiaSi più lavorare cromaticamente sfruttando i colori complementari o affini e/o con le luci per ottenere un effetto deciso e facilmente identificabile e mettere il nostro soggetto in risalto.

Esistono molti esempio e probabilmente il più intuibile è quello che presenta un oggetto in netta antitesi con lo sfondo.

Detta così sembra complicata, ma nulla di più inesatto.
Spesso la realizzazione di questo tipo di fotografia richiede poco tempo e attrezzature pressoché minime.

2. Profondità di campo

bokeh per isolare il soggetto in fotografiaUn’ modo per separare ed isolare il soggetto di uno scatto dallo sfondo ed il contesto è quello di utilizzare ottiche veloci. Le ottiche veloci sono quelle che offrano un’apertura quindi tipo f/1.8-2.8.

Fotografando il soggetto con una lente con f alla massima apertura in funzione della dimensione del soggetto e realizzando così uno splendido bokeh.

Questo tipo di scatto è l’ideale nei ritratti o ad esempio per i fiori, e decisamente, garantisce un ottimo risultato! 

3. Proporzione

Le proporzioni per isolare il soggetto in fotografiaQuesto metodo di dare risalto all’oggetto del nostro scatto è prevalentemente utilizzabile per oggetti più che per le persone, e ha il duplice scopo di definire il soggetto tramite un’attributo (la dimensione di un secondo oggetto scenico) e di affermare quale sia l’effettivo soggetto della foto.

Il nostro cervello funziona inesorabilmente per confronti. Ci insegnano già da piccoli a fare le proporzioni e i confronti. Questo ci serve per “scegliere”, e ad avere una ragione per fare il confronto.

E in fotografia? Permette di creare e risaltare il nostro soggetto fotografico e inserendo nello stesso scatto un elemento che potremmo definire “noto” implicitamente ne capiremo le dimensioni.

In questo caso, si intuisce la dimensione della bottiglia perché è abbastanza nota la dimensione del bicchiere, inoltre, il primo piano della bottiglia rispetto al bicchiere illustra abbastanza bene cosa sia l’effettivo soggetto della fotografia.

4. Isolamento (solitudine e luce)

6 Modi per Emergere il Soggetto in FotografiaForse la più semplice delle tecniche da descrivere e da realizzare.

Consiste nel escludere tutto dalla scena e lasciare il nostro soggetto solo e unico elemento della scena, facile, vero? Ma di contro?
Questo metodo rende difficile “contestualizzare” il soggetto.
Può funzionare bene per alcune cose, ma per altre, rischia di diventare unicamente una foto da catalogo, senza nessun aspetto accattivante.

Vero è per converso che difficilmente l’osservatore potrà non vedere quello che è rappresentato.

In questo caso, l’isolamento della tazzina è accompagnata da una tecnica luce (quanto mai semplice) ma che porta l’occhio a non potersi perdere.

 

 

5. Oggetto del desiderio

Oggetto del desiderio il soggetto in fotografiaEbbene, questa è una tecnica più legata al mondo della comunicazione e del marketing, ma alla fine funziona in quanto la fotografia è un mezzo di comunicazione visiva e un vettore di immagini e sensazioni.

L’oggetto del desiderio ha fatto le sue vittime anche nel mondo del cinema, ad esempio con Hannibal Lecter – “Desideriamo quello che vediamo“.

Quindi, come si fa a rendere un soggetto “oggetto del desiderio”? Esistono mille esempi e teorie possibili, ma per non perdersi in un mare di parole, includo uno scatto di un grande della fotografia che crea una relazione di bramosia alquanto loquace!

Con una splendida serie di scatti, Robert Doisneau, si capisce che soggetto del desiderio è “oggetto” del desiderio dell’involontario soggetto della foto!
La libido dell’osservatore diventa il nostro desiderio, la rappresentazione delle nostre tentazioni! Lo sanno bene le agenzie pubblicitarie che vivono nell’alimentare il nostro bisogno, sia esso reale che solo percepito.

E che Altro Serve?

Isolare il soggetto non è tutto ma è una buona parte dello scatto. Avere un’idea resta pur sempre un punto di partenza vincente. L’esecuzione avrà comunque una notevole rilevanza!

Va ricordato che isolare il soggetto non è tutto, resta anche importante conoscere le tecniche di inquadratura, sia che le si  vogliano seguire o infrangere, purché se ne abbia nozione.

Rispondi